(ENG version)

Born in 1990, Marco d’Aquino, aka Dukwa, is the talk of the town. A rise that doesn’t surprise who had known him.

Explaining Marco’s talent is not an easy task because he has experimented all the hues of electro music from the techno to the house, through the ambient sounds. He can express the emotions he has inside without taking in account what happens around him. If people do something, he let them do it and he tries to be simply himself. Experimenting  and innovating, always.

After many works on Bosconi Records and many successes with the Life’s Track project, the talent is rewarded and finally Numbers contacts him. Numbers is  the famous  Scottish  record  label  owned by Jackmaster and Spencer which released music by many artists like Rustie, Jamie XX e Jessie Ware.

The end or is it the beginning? What would you expect from Marco in the near future?

I went to visit him to talk about the success of his last masterpiece Shattered In A Thousand Pieces.

 

– Let’s move back of some years, how and why did you started to play music?

I started thanks to my big brother Giacomo, who had already been a dj for many years. I began to make my first tracks for fun, but immediately I was captured by a visceral love for  music.

An important step in my growth has been joining the Bosconi Records’ crew. All started on MySpace and with some tracks I sent to Martino (aka Mass Prod) who he invited me in his studio in Zurigo to make some music together. Then I met Fabio della Torre (Bosconi’s manager Ed.) and with his support in the 2011 Lost in your soul was published. I learnt many things from them and they continue to be my inspiration.

Now my path is a little different, my preferences are not the same anymore but the desire to work with them stays unchanged. Unfortunately we are getting old and I don’t have the same time that I had when I was 18 (He smiles Ed.).

 

– How was Shattered In A Thousand Pieces born and how was it received?

The story begins with Jackmaster, who gets in touch with our former manager Giulio Montanaro to have some of the Life’s Track promo I made with Hervè, but they don’t convince him. So I send him some of my works as solo artist:  they win over him.  This is the way Shattered in a thousand pieces was born.

All the Ep were sold-out anytime soon, and the digital format is selling well; in fact on Soundcloud has overcome the 130k plays. A great satisfaction! I received many compliments, among them there were Jeremy Underground’s ones: my music was really admired!

I feel all the esteem that Jackmaster holds toward me. He is an exquisite person and an excellent connoisseur of music and I can’t wait the new Ep is out in September (I had a sneak preview: Marco got it again Ed.).

 

– Since you introduced the subject, how was the project Life’s Track born?

I started to play music with Hervè (aka Herva) thanks to MySpace. We knew each other but we hadn’t had the chance to play music together ‘till then. First tracks excited neither of us, then we found a connection and the first Life’s Track work was out on Bosconi.

Hervè is a brother to me but musically speaking our relationship is quite strange. We have different styles but together we can create something new. It works well.

Unfortunately there’s no enough time to accomplish all our projects but we hope to work together again soon.

 

– How do you feel about the music? Is It a passion or a job?

Tough question. It’s not so easy to explain. For me music is not really a passion, it became a need. I need to express something with my music as a painter who portrays his inside world in his masterpiece.

I have a normal job and music helps me to pay bills. If there was a chance in the future to make music full-time, I would be happy but I want to compromise with none.

Market dynamics are something extraneous to me and I don’t care about them. I don’t like the idea of turnishing a so pure love for music to earn more money. It’s not me as a person or me as an artist.

 

– What do you think about Italian music world?

Actually there are a lot of people I appreciate, especially here in Florence, but I don’t think I can express an opinion about Italian music world. I prefer spending time in studio to make music instead of caring about this things. What can I say, in Italy jealousies often break apart the relationship among artists. An Italian phenomenon which I consider stupid. I like going on in my way and try to make music that has value to me in the first place and then for others.

 

– What do you think about the social networks?

Social networks help sure but I prefer using them to share my art with a great number of people rather than using them to take care my public image. I think it should be the purpose for an artist’s life and not a way to have some gigs.

 

– Next dates?

On 24th June I wil play at Astro Festival in Milan with Daniele Baldelli and Lory D, later there will be many very important dates but I can’t talk about them at the moment (It’s going to be fun Ed.).

 

– Are you happy about what you accomplished and what expects you in the future?

I am taking much satisfaction and I hope to take more and more. I’m doing what feels better with no compromise and I know that I have much to give. Everything I have done up till now is just the beginning.

 

(This interview has been edited and condensed for clarity)

 

 

(ITA version)

Classe 90, Marco d’Aquino in arte Dukwa è ormai sulla bocca di tutti. Un’ascesa che, per chi lo conosce da tempo, non vi era alcun dubbio sarebbe arrivata prima o poi, bastava solo attendere.

Riuscire ad etichettare il talento di Marco non è semplice, il suo percorso lo ha portato a toccare e a sperimentare tutte le molteplici facce della musica elettronica, dalla techno alla house, passando per suoni ambient e sperimentali. Tirare fuori, grazie alla musica, quello che ha dentro senza badare a ciò che succede attorno. Se tutti fanno una cosa, Marco la lascia fare a loro e prova a essere semplicemente se stesso. Sperimentare e innovarsi, sempre.

E fu così che dopo svariate uscite su Bosconi Records e i successi ottenuti con il progetto Life’s Track, il talento viene premiato e arriva finalmente la chiamata da parte di Numbers, la nota etichetta scozzese di Jackmaster e Spencer che negli anni ha tirato fuori produzioni di gente come Rustie, Jamie XX e Jessie Ware.

Punto di arrivo o è solo l’inizio? Cosa ci dobbiamo aspettare nel futuro di Marco?

Sono andato a trovarlo per una chiacchierata dopo il successo avuto con il suo ultimo disco Shattered In A Thousand Pieces.

 

– Facciamo un enorme passo indietro di diversi anni, come e perché hai iniziato a fare musica?

Mi sono avvicinato alla musica grazie a mio fratello maggiore Giacomo che faceva il dj già da diversi anni. Grazie a lui, quasi per gioco, ho iniziato a fare le mie prime tracce e da subito è nato un amore quasi viscerale per questo mondo.

Sicuramente un passo decisivo nel mio percorso di crescita è stato entrare nell’ambiente Bosconi Records. Tutto è iniziato tramite Myspace e da alcune tracce inviate a Martino (aka Mass Prod) che poco dopo mi ha invitato in studio da lui a Zurigo per fare un po’ di musica insieme. Da lì ho conosciuto Fabio della Torre (n.d.r. Boss di Bosconi), con cui Martino già stava producendo un disco, a cui ho fatto sentire qualche mio pezzo e così nel 2011 è uscito Lost in Your Soul. Ho avuto modo di crescere insieme a loro e di imparare tantissimo, tutt’ora confrontarmi con loro è fonte di ispirazione per migliorarmi.

Oggi i percorsi musicali sono leggermente diversi, i gusti musicali sono cambiati ma la voglia di fare qualcosa insieme è rimasta invariata. Purtroppo stiamo invecchiando e il tempo rispetto a quando avevo diciotto anni è sempre meno (n.d.r. ride).

 

– Come nasce Shattered In A Thousand Pieces e come è stata la reazione generale?

Tutto è nato con Jackmaster che contatta il nostro vecchio manager, Giulio Montanaro, per avere delle demo da parte mia e di Hervè come Life’s Track che però non lo convinsero. Da lì ho deciso di inviare un po’ di musica come singolo che è semplicemente piaciuta ed abbiamo iniziato a preparare il primo disco, Shattered In A Thousand Pieces appunto.

In pochissimo tempo le copie fisiche sono andate esaurite, anche il digitale sta andando molto bene e su Soundcloud ha da poco superato i 130k ascolti. Una soddisfazione enorme e tantissimi messaggi di stima e complimenti arrivati. Uno di questi arrivato da Jeremy Underground mi ha colpito particolarmente, la mia musica stava piacendo veramente.

Sento molto anche la stima di Jackmaster stesso, persona squisita e grande conoscitore di musica,  e non vedo l’ora di far uscire il nuovo disco previsto per settembre (n.d.r. ascoltato in anteprima, Marco ha fatto nuovamente centro).

 

– Dato che ne hai accennato prima, come è nato invece il progetto Life’s Track?

Ho iniziato a fare musica con Hervè ( in arte Herva ) sempre grazie a Myspace. Ci conoscevamo già di vista ma non avevamo mai avuto modo di confrontarci musicalmente prima di quel momento. Ci siamo trovati in studio e abbiamo iniziato a fare musica. Le prime tracce a dirla tutta non soddisfacevano nessuno dei due, poi ci siamo ritrovati ed è nato il primo disco come Life’s Track su Bosconi.

Il rapporto con Hervè, che a livello umano considero ormai quasi un fratello, dal punto di vista musicale è invece molto strano. Singolarmente abbiamo stili completamente opposti ma insieme, ognuno dando qualcosa di sé, riusciamo a creare una nuova identità. E la cosa funziona.

Purtroppo anche qui il tempo per entrambi è sempre meno e portare avanti tutti i nostri progetti non è affatto semplice ma speriamo di riuscire a far uscire qualcosa di nuovo a breve.

 

– Cosa è per te la musica? Una passione o un lavoro?

Argomento complesso. Quasi difficile da affrontare. Per me la musica non è nemmeno più una passione ma è diventata un bisogno, sento la necessità di trasmettere qualcosa con la mia musica, come un pittore che dipinge una parte di sé all’interno del proprio quadro.

Vivo lavorando e la musica mi aiuta ad arrotondare economicamente, se in futuro se ci fosse la possibilità di fare musica a tempo pieno chiaramente ne sarei felice ma non voglio scendere a compromessi.

Le dinamiche di mercato sono un mondo a me estraneo e di cui non mi interessa far parte, non mi piace l’idea di infangare un amore così puro che provo verso la musica solo per qualche soldo in più. Non è una cosa che fa parte né di Marco come persona né di Dukwa come artista.

 

– Cosa pensi della scena italiana?

Sicuramente ci sono un sacco di persone che stimo, soprattutto qui a Firenze, ma non penso di poter dare un parere sulla “scena” italiana. Preferisco stare in studio a fare musica piuttosto che pensare a certe dinamiche. Una cosa però sicuramente la posso dire, in Italia nella musica, così come in tantissimi altri ambienti, il senso di unione spesso viene spezzato dalle gelosie altrui. Una cosa tutta italiana e che reputo abbastanza stupida, personalmente cerco di andare avanti per la mia strada e provare a fare musica che valga qualcosa in primis per me stesso e poi per gli altri.

 

– Come vivi il mondo dei social network?

Sicuramente i social aiutano, ma più che curare la mia immagine li uso per far sì che la mia musica arrivi a più persone che possano apprezzarla. Penso che per un artista dovrebbe essere questo il fine, non avere numeri alti per ottenere qualche data in più.

 

–  Prossime date?

Il 24 giugno suonerò all’Astro Festival a Milano insieme a Daniele Baldelli e Lory D, successivamente ci saranno date molto importanti per me di cui ancora non posso dire nulla (n.d.r. ne vedremo delle belle).

 

– Sei felice di quello che hai fatto fino ad ora e di quello che ti aspetta in futuro?

Mi sto togliendo molte soddisfazioni e spero di togliermene sempre di più. Sto facendo ciò che mi fa stare bene senza alcun compromesso e sono consapevole di avere ancora tanto tanto da dare. Tutto ciò che ho fatto fino ad oggi è semplicemente solo l’inizio.

 

(Questa intervista è stata modificata e rielaborata per maggior chiarezza)